I film e la loro colonna sonora


La colonna sonora in un film è molto importante, serve come accompagnamento e per rimarcare in modo drammatico o vivace alcune scene. Le colonne sonore spesso sono degli autentici capolavori anche se astratte dal loro scopo specifico di commentare un film. Si pensi per esempio al grande affresco musicale di Nino Rota ne Il Padrino. E’ una musica di una tale bellezza che può essere ascoltata come si ascolta una sinfonia di Beethoven. Ma la colonna sonora più efficace è quella che unisce la scena al sentimento di chi la sta vivendo. Quello di Jaws (Lo Squalo) è spettacolare: il ritmo serrato del violoncello, dei fiati e del contrabbasso genera una paura ancestrale, marziale, tipica di un compositore talentuoso come John Williams (che ripete l’esperimento, riuscendovi, con Jurassic Park).

Nella colonne sonore western di Ennio Morricone l’impatto emotivo dei lunghi primi piani di Sergio Leone è reso in modo efficace e puntuale da una musica che sembra nascere dal vento e dagli agenti naturali di una terra desolata. Strumenti semplici creano atmosfere implacabili, che preannunciano un duello. Le colonne sonore di Morricone sono diventate proverbiali per il suo genere, talmente lo sanno interpretare.

John Williams JAWSAltri registi preferiscono eliminare le colonne sonore e affidarsi alla canzone popolare, cioè alla musica rock, pop e di genere. E’ il caso di Quentin Tarantino, che fin dai suoi esordi, ha preferito accostare musica contemporanea. L’esempio di Tarantino è stato ripreso più volte, in film come Forrest Gump, per esempio, che rappresenta un vitale compendio della canzone di protesta americana.  Anche nelle serie TV la musica raggiunge picchi di qualità assoluta, spesso alternando brani originali (score) a colonne sonore non originali (soundtrack). In Lost l’effetto cacofonico de Lo Squalo è mirabilmente ottenuto utilizzando una sezione di fiati, che imita il rullio del motore di un aereo. In Breaking Bad le canzoni sostengono l’azione, puntualizzando i passaggi più emotivi e ricchi di suspense.

Le colonne sonore sono spesso affidate a compositori professionisti, spesso dotati di grande talento, appunto, come John Williams, Michael Giacchino, Ennio Morricone e Hans Zimmer, per citare alcuni dei nomi più famosi. Altre volte le colonne sonore sono affidate a musicisti rock come Paul McCartney, David Bowie, Grateful Dead, Flea e nel caso forse più famoso i Pink Floyd, che sono apparsi nella celebre colonna sonora di Zabriskie Point, dimostrando che il connubio tra musica e cinema può trovare una sintesi molto equilibrata e consona anche quando le due parti arrivano da mondi completamente diversi. Gli Oscar premiano, oltre alla colonna sonora, anche la miglior canzone. Leggendo la lista dei vincitori si scorgono grandi nomi come Bruce Springsteen, Eminem, Bob Dylan e Phil Collins.

(Visited 22 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi